Ita | Eng


home portfolio governo della PA dati.piemonte.it


dati.piemonte.it

  • Stampa
  • E-mail

Il portale della PA piemontese per il riutilizzo dei dati pubblici

7.000 visite
nel primo mese di vita

dati.piemonte.it è il portale promosso dalla Regione Piemonte, a disposizione di tutti gli Enti della PA piemontese, per la condivisione dei dati e delle informazioni pubbliche. Rappresenta ad oggi l’unica esperienza italiana sul tema della disponibilità dei dati pubblici, dando concreta risposta alla Direttiva europea 2003/98/CE che individua nelle informazioni del settore pubblico “un’importante materia prima per i prodotti e i servizi imperniati sui contenuti digitali”, da riutilizzare per “sfruttarne il potenziale e contribuire alla crescita economica e alla creazione di posti di lavoro”.

Il portale è on line dal 28 maggio 2010 e si pone come punto di riferimento sia per la consultazione dei dati riusabili messi a disposizione delle PA piemontesi, sia come punto di incontro della comunità degli utenti (cittadini e imprese).

Cliente: Regione Piemonte 

Vai al sito: dati.piemonte.it

  • approfondisci+

    A chi è rivolto?

    A cittadini e imprese che possono riutilizzare i dati pubblici a scopo commerciale o non commerciale con l'obiettivo di stimolare un nuovo rapporto fra pubblico e privato e di favorire lo sviluppo di iniziative imprenditoriali. Un esempio sono le informazioni metereologiche o geografiche prodotte dalla Pubblica Amministrazione, un grande valore per le società private che, su quei dati, costruiscono e offrono dei servizi meteo o di navigazione.

    A cosa serve?

    Il progetto nasce per dare attuazione a quanto previsto a livello comunitario, e recepito dall'ordinamento nazionale, in materia di riutilizzo delle informazioni pubbliche. L’Unione Europea infatti attribuisce al riutilizzo delle informazioni del settore pubblico un ruolo fondamentale, sia per lo sviluppo economico e sociale del territorio (corretto funzionamento dei mercati; libera circolazione di merci, di servizi ed individui; miglioramento della competitività; superamento del divario fra nazioni e cittadini), sia per la diffusione delle nuove tecnologie digitali fra enti pubblici, imprese e cittadini (attraverso l’utilizzo di strumenti informatici per diffondere e memorizzare le informazioni medesime). Il portale rappresenta un unico punto per il mondo privato per accedere ai dati dell'amministrazione pubblica.

    Il riutilizzo dei dati avviene nel rispetto della normativa vigente sulla privacy e sul diritto d'autore ed è normato da specifiche licenze d'uso (nella prima versione del portale sono state adottate, vista la tipologia di dati scaricabili anonimi e aggregati, licenze Creative Commons CC0 1.0 Universal).

    Quali sono i benefici?

    A livello della PA piemontese i benefici potenziali sono notevoli, se si pensa alla dimensione, in termini numerici, del patrimonio informativo raccolto. Il patrimonio, strutturato in formati diversi (dai dati non strutturati, come le raccolte legislative, ai dati semistrutturati, come i dati catalografici delle raccolte culturali, ai dati strutturati derivanti da basi dati gestionali e decisionali, ai dati geografici), ammonta a circa 1.400 basi dati territoriali, 1.500 banche dati amministrative, di cui 170 statistiche, oltre alle banche dati normative che comprendono oltre 2000 leggi regionali dal 1971 ad oggi.

    Come funziona?

    l Portale si fonda sui cataloghi di metadati in cui sono censite le basi dati e gli applicativi degli enti: Sitad per la componente geografica e Infodir per la componente alfanumerica. Nella prima versione sono disponibili le funzionalità di scarico dei dati e di social networking: accesso dei primi set di dati, scarico di dati mediante licenza standard, possibilità di lasciare feedback sulla qualità dell’informazione fornita, forum/RSS, news su nuovi dati e sulle licenze disponibili, servizio “l'esperto risponde”. Nelle prossime versioni del portale sono previste ricerche avanzate su dati o su servizi applicativi che restituiscono dati, siano dati alfanumerici che geografici, l’applicazione di licenze dinamiche per lo scarico di dati alfanumerici o geografici, la possibilità di ripubblicare applicativi/servizi sviluppati da privati sulla base dei dati presi in riuso.

    Da sapere

    Il CSI Piemonte partecipa al progetto europeo LAPSI- Legal Aspect of Public Sector Information.

 

Share/Save/Bookmark

Consorzio per il Sistema Informativo - P.IVA 01995120019 copyright 2014 CSI-Piemonte. All rights reserved.