nuovistrumenti.it

RACCONTIAMO LA PA CHE INNOVA

Visti di ingresso in Italia: accordo internazionale fra CSI e BLS

Dare il via a una collaborazione nei servizi per il rilascio dei visti di ingresso in Italia. È questo l'obiettivo principale dall'Accordo di Partenariato Globale firmato il 14 novembre scorso fra il CSI Piemonte e la società indiana BLS International Services Ltd, azienda leader nell'esternalizzazione di servizi relativi a visa, passaporti e attestazioni per le missioni diplomatiche-consolari.

"L'accordo ha una durata di 4 anni – ci spiega Vincent Pageron, Direttore della Direzione Attività Internazionali – e conferma l'attrattività del nostro potenziale di competenze e asset in ambito infrastrutturale, oltre al valore della nostra vocazione internazionale. Questa cooperazione ci permetterà di rispondere insieme e BLS alle gare bandite per il rilascio dei visti di ingresso in Italia da parte delle rappresentanze diplomatiche italiane all'estero, per conto del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale".

Su 122 paesi in cui l'Italia ha missioni diplomatico-consolari, infatti, in ben 44 l'erogazione dei servizi legati all'attività di rilascio dei visti di ingresso in Italia viene esternalizzata mediante gare direttamente gestite da ciascuna missione.

"Il CSI – continua Pageron – in ragione dell'ambito pubblico nel quale opera, della "nazionalità" italiana, dell'esperienza internazionale e della capacità infrastrutturale, può portare un importante e significativo contributo al mercato pubblico nel quale si colloca questa iniziativa".

"Il Consorzio infatti – commenta Paola Tavella, Direttore della Direzione Governo Servizi e Soluzioni Infrastrutturali – si potrà posizionare come erogatore italiano pubblico di servizi infrastrutturali, coprendo i bisogni di gestione dei datacenter, delle reti geografiche, della biometria, della sicurezza ICT e privacy, secondo la normativa italiana ed europea".

"Vanno poi considerate – continua Tavella – le ricadute positive e i benefici che l'iniziativa potrà portare al Consorzio e, di conseguenza, agli Enti Consorziati, in termini di relazioni internazionali, miglior posizionamento sul mercato e opportunità di ampliamento del perimetro di azione per servizi analoghi, anche nella prospettiva della costituzione dei Poli Strategici Nazionali".

L'Accordo prevede, da un lato, che BLS si occupi della gestione dei Centri Visti e dello sviluppo dei sistemi IT funzionali al rilascio degli stessi, e dall'altro, che il CSI svolga le attività legate all'erogazione di servizi infrastrutturali e di supporto alla gestione delle relazioni sia con il Ministero degli Esteri che con le missioni diplomatico-consolari.

"BLS e CSI possono essere considerate due realtà complementari – continua Pageron – in quanto, come già confermato dai risultati stimolanti delle prime partecipazioni, associano un'eccellenza mondiale nella gestione di servizi per le missioni diplomatiche a un'eccellenza pubblica italiana nell'erogazione di servizi IT". "Proprio per questo – conclude Pageron – il consolidamento della qualità della proposta tecnica e l'ampliamento del network commerciale saranno centrali nella nostra attività internazionale nel 2018".

Flavia Zamboni